BLOCCO DELLA PROCEDURA ESECUTIVA (PIGNORAMENTO)

Sovraindebitamento a Lecco – Legge 3/2012

BLOCCO DELLA PROCEDURA ESECUTIVA (PIGNORAMENTO)

Nuovo caso risolto dallo staff di Esdebito

Un’altra famiglia ha intrapreso la via offerta dalla legge per uscire dalla morsa dei debiti.

L’indebitamento complessivo era arrivato ad una situazione insostenibile, a causa della perdita dei posti di lavoro, costringendo la famiglia a sforzi economici oltre ogni limite, senza perarltro trovare alcuna via d’uscita.

L’immobile di proprietà è già all’asta, il primo tentativo è andato deserto.

Oltre al mutuo ci sono anche altri finanziamenti, ormai  fuori portata.

La famiglia decide quindi di farsi assistere dal nostro staff nella predisposizione del fascicolo da presentare in tribunale, cui è seguita la nomina dell’O.C.C. e del Liquidatore.

BLOCCO DELLA PROCEDURA ESECUTIVA (PIGNORAMENTO)

Nel decreto in questione, il giudice dispone, come previsto dalla normativa,

“-che non possano essere iniziate o proseguite azioni cautelari o esecutive nè

acquistati diritti di prelazione sul patrimonio oggetto di liquidazione da parte

dei creditori aventi titolo o causa anteriore;

Ora la famiglia potrà beneficiare di una quota intangibile di stipendio (4/5) destinando ai creditori la parte eccedente(1/5), e procedere con la liquidazione volontaria del proprio patrimonio. ricominciando a vivere dignitosamente.

Nel concreto il procedimento di liquidazione qui ipotizzato, presuppone la vendita con modalità concorrenziali diverse dall’asta giudiziale, al fine di aumentare le probabilità di una vendita a prezzi migliori, sanando tutti i debiti (e non solo il mutuo), intraprendendo la via all’esdebitazione.

 

 

Decreto